news

FlessibilitÓ nelle Tlc. L┤opinione di Luca Cecchi - AU di Connecting Project

flessibilitÓ nelle tlc. l┤opinione di luca cecchi - au di connecting project

FlessibilitÓ nelle Tlc. L┤opinione di Luca Cecchi - AU di Connecting Project

22 febbraio 2017

Il tema della flessibilità è, a mio avviso, il tema per eccellenza, non solo nell'ambito delle Tlc. Esso rappresenta un processo di modificazione molto forte nell'intero sistema socio-culturale. Il mercato richiede flessibilità nei servizi e nei prodotti, ma questo non è possibile se manca a monte una cultura della flessibilià e una mentalità aperta al comabiamento.

Questo vale per ogni mercato, e a maggior ragione per quello delle Tlc e della tecnologia. Nelle Tlc a servizi e preodotti flessibili deve corrispondere una rete flessibile e quindi un Know-how flessibile. Non va dimenticato che dietro le reti ci sono tecnici e ingegneri che devono avere un approccio flessibile alla progettazione e alla realizzazione delle reti stesse. Come flessibile deve essere la regolamentazione del settore: oggi alcuni paletti regolatori bloccano lo sviluppo del business proprio perché non permettono agli operatori di attuare una fessibilità strumentale e progettuale. 

Il cambiamento non solo è sostanziale, ma anche sempre più rapido, certamente più rapido dei cambiamenti cultuarli e strutturali che richiedono per loro natura tempi più lunghi. La velocità del cambiamento e la conseguente fatica culturale e sistemica a interpretarlo e governarlo, si rispecchia in un certo grado di confusione nella comunicazione dei servizi e dei prodotti offerti al grande pubblico. L'utente finale, che genericamente non possiede competenze tecniche specifiche per districarsi nel complesso e veloce mondo delle tecnologie, fa fatica a comprendere e selezionare le offerte flessibili e convergenti che un numero sempre maggiore di operatori offre loro sul mercato. 

Oggi più che mai è indispensabile accompagnare alla ricerca di flessibilità di prodotti e servizi, una spinta al cambimento culturale fatto di aumento delle competenze dell'utente medio finale, di flessibilità delle reti e di flessibilità normativa, di gestione chiara delle offerte immesse sul mercato.

 

Le altre news

YOUNGVIDEOMAKERS. PRIMO GIORNO: LA COMUNICAZIONE

CONNECTING PROJECT PER IL SOCIALE. AL VIA IL CORSO YOUNGVIDEOMAKERS

IL CONSENSO DEL CLIENTE PER LE MODIFICHE NON SERVE. CONTRATTI TLC.

ERICSSON-CISCO: SEMPRE PI┘ FORTE LA PARTNERSHIP SU MOBILE-WIFI

WI-FI: IL GOVERNO HA UN PIANO PER CONNETTERE L┤ITALIA

L┤ITALIA MIGLIORA SUL FRONTE DELL┤OFFERTA DIGITALE

LA DATA ECONOMY ╚ ARRIVATA, ED ╚ QUI PER RESTARE

MERCATO DEL ICT ANCORA IN CRESCITA

CON IL NOSTRO OPERATORE INTERNET VOLA

RELAZIONE ANNUALE DELL┤ANTITRUST: CONCORRENZA PER LE RETI IN FIBRA OTTICA

TELEMARKETING: A LONDRA BASTA UN SMS PER BLOCCARLO, E IN ITALIA?

TELECOM-METROWEB: ACCORDO RISERVATO, MA A TELECOM MANCA APPOGGIO POLITICO

L┤ICT ITALIANO IN CRESCITA

SOCIAL MEDIA WEEK MILANO 2016: TECNOLOGIA INVISIBILE

IL MERCATO ICT MOSTRA UN SEGNO POSITIVO. L┤ANALISI DI ASSINFORM 2015

BANDA ULTRALARGA: IL PIEMONTE PUNTA SULLE ZONE "A FALLIMENTO DI MERCATO"

BANDA ULTRALARGA: SITUAZIONE COMPLESSA TRA TELECOM ED ENEL E IL GOVERNO LA COMPLICA

FIBRA OTTICA: AL VIA IL PIANO ENEL PER LA BANDA ULTRALARGA

L┤AGCOM BLOCCA L┤AUMENTO TARIFFARIO SUL FISSO PREVISTO DA TIM

TELECOM ITALIA, ENEL E FIBRA OTTICA PUBBLICA: LO STATO STA INTERVENENDO TROPPO?

IMPORTANTE. ENTRATO IN VIGORE IL DECRETO FIBRA OTTICA: TUTTE LE NOVIT└

BANDA ULTRALARGA IN ITALIA: POTREMMO ESSERE I PRIMI IN EUROPA

RAPPORTO SIRMI: LE TLC MOBILI TRAINANO TUTTO IL SETTORE ICT.

PIANO SVILUPPO E COESIONE 2014-2020: A BREVE ACCORDO CON LE REGIONI

WIND-3 ITALIA. LA FUSIONE AL VAGLIO ANTITRUST UE

connecting project

Partita IVA IT02860450549