news

Telecom Italia, Enel e fibra ottica pubblica: lo Stato sta intervenendo troppo?

telecom italia, enel e fibra ottica pubblica: lo stato sta intervenendo troppo?

Telecom Italia, Enel e fibra ottica pubblica: lo Stato sta intervenendo troppo?

21 marzo 2016

Le scelte di Enel nel settore della fibra ottica stanno facendo molto discutere. La società elettrica, partecipata dal Ministero dell’economia al 25,5%, inizialmente partita da un piano per le aree a fallimento di mercato, ha annunciato l’intenzione di spostare il suo focus su 250 città considerate redditizie. Il piano – che dovrebbe coinvolgere anche Vodafon e Wind – nasce dalla convinzione, come ha spiegato l’ad Francesco Starace, che utilizzando il sistema di rete di distribuzione dell’energia elettrica – ossia anche la posa ‘aerea’ – i costi di cablaggio sarebbero del 30 o 40% inferiori e la rete riuscirebbe a raggiungere 32 milioni di clienti finali contro i 21 milioni della rete tlc.

Sono però le stesse aree di interesse di Telecom Italia che ha presentato all’Agcom un piano di copertura di 250 città che coinvolge anche Metroweb, anch’essa controllata pubblica attraverso la Cassa Depositi e Prestiti. Le due società sono in attesa del via libera dell’Autorità. Così come il Governo sta aspettando il via libera della Ue per il piano sulla banda ultralarga nelle aree a fallimento di mercato, per le quali si è infine optato per la realizzazione di una rete pubblica attraverso Infratel. Il via libera dovrebbe arrivare non prima della primavera inoltrata.

Ma il Governo sta agendo nel miglior modo possibile? Sembra infatti che il Governo stia adottando un modello dirigista difficile da comprendere in un mercato liberalizzato. Una strategia che potrebbe avere un senso nelle aree a fallimento di mercato, dove gli operatori non hanno interesse a investire per via degli incerti ritorni economici, ma pone qualche interrogativo quando si tratta invece delle aree cosiddette ‘nere’, che gli operatori privati ritengono redditizie.

Ma così non è, o almeno non è più, almeno stando alle conclusioni di un recente paper realizzato da Antonio Sassano (Università La Sapienza), Michele Polo (Bocconi) e Carlo Cambini (Politecnico di Torino) intitolato “Fiber to the people: the development of the ultrabroadband network in Italy”.

Il documento si basa su una rigorosa analisi in termini di deployment e penetrazione della banda larga ed esamina quindi le principali questioni di policy relative alla strategia del Governo sulla banda ultralarga con l’obiettivo di contribuire al dibattito sullo sviluppo della banda ultralarga in Italia e suggerire in che modo ripensare le politiche industriali in una prospettiva market-oriented.

 

L’ideale, propone il paper, sarebbe di graduare l’intervento pubblico sulla base dei piani proposti dagli operatori, per evitare che questi ultimi ripensino i loro investimenti sulla base di un’aspettativa di intervento pubblico.

Secondo gli autori del rapporto c’è infatti il rischio di ‘regulatory game’ ossia la possibilità che gli operatori si pongano in una situazione attendista sperando che il Governo, pur di rispettare gli obblighi di copertura fissati dalla Ue, metta in un modo o nell’altro mano al portafogli.

“Gli operatori – spiega il documento – potrebbero mettersi in una posizione attendista, limitando gli investimenti anche nelle aree redditizie così da avere più ampio accesso alle risorse pubbliche”. Due le conseguenze di questa situazione: “Se i fondi pubblici sono scarsi, gli investimenti potrebbero non essere fatti proprio o essere avviati con grande ritardo, oppure gli investimenti si faranno, ma solo con fondi pubblici”, riducendo quindi al lumicino le aree dove gli operatori dichiarano interesse a investire.


Link al sito ufficiale

Le altre news

A WEST POINT IL PRIMO CORSO UNIVERSITARIO TENUTO DA UN DOCENTE ROBOT

INTELLIGENZA ARTIFICIALE A LAVORO: I ROBOT NON FANNO PI┘ PAURA. AUMENTA LA RICHIESTA DI COMPETENZE 4.0

ANCHE IN ITALIA IN CRESCITA LE STARTUP INNOVATIVE

SOLO IL 35% DELLE IMPRESE ITALIANE RITIENE ADEGUATE LE COMPETENZE TECNOLOGICHE DISPONIBILI PER LE PROPRIE NECESSIT└

PROSEGUONO I RILANCI ALL┤ASTA 5G

BANDA ULTRALARGA: L┤OBIETTIVO ╚ FAR CAPIRE LE OPPORTUNIT└ PER I TERRITORI

UNICATLC D└ IL VIA AL PROGETTO DI INTERCONNESSIONE FONIA ALLA RETE TELECOM ITALIA. CON IL SUPPORTO DI CONNECTING PROJECT

AL VAGLIO DELLA UE UNA NUOVA NORMATIVA SUL COPYRIGHT: MINACCIA ALLA LIBERT└ DI ESPRESSIONE?

CONNECTINGLAB. AL VIA L┤EDIZIONE 2018 HAPPYROBOT

SIXCOMM E CONNECTING PROJECT ANCORA INSIEME IN NOME DELL┤INNOVAZIONE TECNOLOGICA

TIM: AL VAGLIO DEL GOVERNO IL PROGETTO DELLO SCORPORO DELLA RETE.

RIFORMA EUROPEA TLC: LICENZIATO IL NUOVO CODICE

LA COMMISSIONE INTERCONNESSIONE DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO APRE IL TAVOLO TECNICO CHIESTO DA CONNECTING PROJECT PER LA MODIFICA ALLA ST 769.

UN POMERIGGIO DA OSCAR: LA FESTA FINALE DI YOUNGVIDEOMAKERS

SPORT E RESPONSABILIT└ SOCIALE: AL VIA IL ôTENNIS PROJECTö

YOUNGVIDEOMAKERS. QUARTO GIORNO: INQUADRATURE E RIPRESE

YOUNGVIDEOMAKERS. TERZO GIORNO: LA RECITAZIONE

YOUNGVIDEOMAKERS. SECONDO GIORNO: STORYTELLING E STORYBOARD

YOUNGVIDEOMAKERS. PRIMO GIORNO: LA COMUNICAZIONE

CONNECTING PROJECT PER IL SOCIALE. AL VIA IL CORSO YOUNGVIDEOMAKERS

FLESSIBILIT└ NELLE TLC. L┤OPINIONE DI LUCA CECCHI - AU DI CONNECTING PROJECT

IL CONSENSO DEL CLIENTE PER LE MODIFICHE NON SERVE. CONTRATTI TLC.

ERICSSON-CISCO: SEMPRE PI┘ FORTE LA PARTNERSHIP SU MOBILE-WIFI

WI-FI: IL GOVERNO HA UN PIANO PER CONNETTERE L┤ITALIA

L┤ITALIA MIGLIORA SUL FRONTE DELL┤OFFERTA DIGITALE

LA DATA ECONOMY ╚ ARRIVATA, ED ╚ QUI PER RESTARE

MERCATO DEL ICT ANCORA IN CRESCITA

CON IL NOSTRO OPERATORE INTERNET VOLA

RELAZIONE ANNUALE DELL┤ANTITRUST: CONCORRENZA PER LE RETI IN FIBRA OTTICA

TELEMARKETING: A LONDRA BASTA UN SMS PER BLOCCARLO, E IN ITALIA?

TELECOM-METROWEB: ACCORDO RISERVATO, MA A TELECOM MANCA APPOGGIO POLITICO

L┤ICT ITALIANO IN CRESCITA

SOCIAL MEDIA WEEK MILANO 2016: TECNOLOGIA INVISIBILE

IL MERCATO ICT MOSTRA UN SEGNO POSITIVO. L┤ANALISI DI ASSINFORM 2015

BANDA ULTRALARGA: IL PIEMONTE PUNTA SULLE ZONE "A FALLIMENTO DI MERCATO"

BANDA ULTRALARGA: SITUAZIONE COMPLESSA TRA TELECOM ED ENEL E IL GOVERNO LA COMPLICA

FIBRA OTTICA: AL VIA IL PIANO ENEL PER LA BANDA ULTRALARGA

L┤AGCOM BLOCCA L┤AUMENTO TARIFFARIO SUL FISSO PREVISTO DA TIM

IMPORTANTE. ENTRATO IN VIGORE IL DECRETO FIBRA OTTICA: TUTTE LE NOVIT└

BANDA ULTRALARGA IN ITALIA: POTREMMO ESSERE I PRIMI IN EUROPA

RAPPORTO SIRMI: LE TLC MOBILI TRAINANO TUTTO IL SETTORE ICT.

PIANO SVILUPPO E COESIONE 2014-2020: A BREVE ACCORDO CON LE REGIONI

WIND-3 ITALIA. LA FUSIONE AL VAGLIO ANTITRUST UE

connecting project

Partita IVA IT02860450549